intelligenza artificiale donna
intelligenza artificiale donna
24 Novembre, 2019

Intelligenza artificiale donna su Il Giorno

Tempo lettura: 1 min

«Le donne hanno una marcia in più, anche nel campo dell’intelligenza artificiale». Non nasconde l’orgoglio “rosa” la milanese 35enne Sara Caminati, che si è lanciata in un’avventura imprenditoriale sull’onda dell’exploit dell’e-commerce e dei servizi online. La società LIFEdata si occupa di «intelligenza artificiale per le aziende», sviluppando in particolare i “chatbot”, software che simulando la conversazione con un essere umano forniscono risposte vocali a domande e richieste di informazioni su internet.

Società che vanta una quota rosa del 57%, nelle cosiddette materie scientifiche “Stem” (Science, Technology, Engineering e Math) tradizionalmente considerate un appannaggio maschile.

Stereotipi duri da scalfire, come dimostrano anche i dati sulle iscrizioni universitarie. Le “donne“ di LIFEdata si occupano di informatica, digital marketing, nuove tecnologie digitali.

«Ci siamo accorti che l’utilizzo della maggior parte dei sistemi chatbot sui siti internet è frustrante – racconta – perché non capiscono le richieste e, fondamentalmente, si rivelano inutili per l’utente».

Leggi tutta l’intervista a Sara Caminati di LIFEdata

intelligenza artificiale femmina