intelligenza artificiale intelligenza umana
intelligenza artificiale intelligenza umana
9 Dicembre, 2019

L’intelligenza artificiale potrà mai essere al livello dell’intelligenza umana?

Tempo lettura: 3 min

Molte applicazioni dell’IA stanno ora sovraperformando l’uomo in alcune attività specifiche con approcci data-driven e algoritmi di apprendimento automatico, tipicamente di deep learning. Tuttavia, nonostante tutta l’euforia, molti esperti di intelligenza artificiale credono che l’apprendimento automatico da solo non sia sufficiente per produrre intelligenza a livello umano. L’intelligenza a livello umano è diventata nota come Strong AI o Intelligenza generale artificiale (AGI).

Gli esseri umani hanno la capacità di acquisire e applicare le conoscenze generali alla risoluzione dei problemi per una vasta gamma di settori. Alcuni dei quali vengono acquisiti da tutti, come camminare e parlare. Alcuni esseri umani acquisiscono conoscenze specialistiche, di solito come parte delle loro vocazioni. Avere un’intelligenza generale ci consente di combinare ampie capacità cognitive e di passare senza soluzione di continuità da un’attività di conoscenza a un’altra quando richiesto per facilitare la risoluzione dei problemi.

Questo è il limite dell’intelligenza artificiale. Nonostante il fenomenale successo dell’intelligenza artificiale di Deep Learning, alcuni esperti si chiedono se questo paradigma sia sufficiente per raggiungere l’intelligenza a livello umano. Tra l’altro, uno dei problemi principali con il deep learning è che è un black box.

Il deep learning non rende trasparente il processo decisionale applicato, perchè opera in modo statistico, che è approssimativamente analogo all’adattamento di una funzione a una nuvola di data-point.

Proprio la settimana scorsa l’ICO (l’equivalente inglese del nostro Garante della Privacy) ha emesso una nuova guidance che specifica che l’azienda può essere multata se non è in grado di spiegare come la propria AI usa i dati dei clienti. La multa può arrivare sino al 4% del fatturato.

Ecco perchè noi puntiamo su applicazioni di Explainable AI, Intelligenza Artificiale il cui funzionamento è totalmente sotto controllo della tua azienda.

Scopri che ritorno sull’investimento potresti avere introducendo l’intelligenza artificiale ed applicazioni data-driven >

Il futuro dell’intelligenza artificiale generale potrebbe essere nell’apprendimento del trasferimento.
Questa è una tecnica in base alla quale un modello addestrato su un compito viene riproposto su un secondo compito correlato. Questa tecnica è presa in prestito dagli umani quando a volte imparano nuovi compiti.

Ad esempio, la ricerca ha dimostrato che chi parla più lingue in genere trova più semplice l’apprendimento di nuove lingue, poiché le conoscenze precedenti apprese dal diventare bilingue possono essere riapplicate e facilitare il processo di apprendimento di nuove lingue perché diventano consapevoli della necessità di apprendere strutture e sintassi del linguaggio che gli oratori non conoscono una lingua.

Se applicato all’apprendimento automatico, questo porta alla convinzione generale che le conoscenze precedenti apprese da un compito, aiuteranno ad abilitare una formazione più rapida e richiederanno meno supervisione di una formazione da zero sul secondo compito correlato.

Tuttavia, affinché l’apprendimento del trasferimento conduca all’AGI, dovrebbe essere in grado di trasferire l’apprendimento attraverso una vasta gamma di settori disciplinari.

News